Topi in Casa, Come Disinfettare Correttamente e Senza Rischi?

Topi in casa, come disinfettare e fare in modo che gli ambienti domestici tornino ad essere sicuri al 100%?

Purtroppo le infestazioni di topi possono causare molti danni, ai mobili così come ai cavi elettrici, e alle volte anche alla struttura dell’edificio. Di contro, una delle peggiori “eredità” di questi animali infestanti sono le feci, l’urina e tutto lo sporco che regolarmente si portano dietro quando invadono una casa. Quando finisci di disinfestare un appartamento, dunque, ti conviene sempre affrontare con dovizia di particolari la sua pulizia. In questo modo eviterai possibili contagi dovuti alle malattie trasmesse dai ratti e dai topolini. Ecco perché in questa guida ti daremo tantissimi consigli utili per capire come riuscirci.

Come disinfettare la casa dopo i topi?

Per prima cosa, sappi che gli escrementi di topo sono molto volatili, quindi se proverai a spazzarli con la scopa o ad aspirarli con l’aspirapolvere rischierai di sollevarli e di spargerli in giro per casa. Si tratta di un rischio che devi evitare ad ogni costo, perché i germi, i virus e i batteri contenuti nelle feci potrebbero farsi strada entrando dalle vie respiratorie. Questa regola vale per qualsiasi residuo lasciato dai roditori, comprese le macchie di urina, i “trucioli” delle cose rosicchiate e ovviamente il nido del topo.

1. Indossa guanti e mascherina

Prima di eliminare questi detriti, devi metterli in sicurezza. Non si tratta di un’operazione poi così complessa, dato che ti basta utilizzare qualche accortezza e i prodotti giusti. In primo luogo, assicurati di indossare sempre i guanti protettivi in lattice o in vinile, e una mascherina a copertura delle vie respiratorie, per creare una barriera tale da proteggere la pelle e le mucose da ogni pericolo di infezione.

No products found.

2. Disinfetta feci e altri residui

Fatto questo, devi preparare una soluzione di acqua e candeggina (10 parti di acqua e 1 di prodotto). Naturalmente, siccome la candeggina è tossica se inalata, usala con cautela e leggi sempre le informazioni riportate nel libretto illustrativo. Dopo aver lasciato in ammollo la soluzione per 5 minuti circa, puoi utilizzarla per riempire un comune spruzzino, che userai per irrorare le feci e gli altri residui con la soluzione disinfettante.

Candy 5 litri Candeggina ipoclorito di sodio 15 Volumi Super concentrazione al 12% Litri Deterdem...
  • Ipoclorito di Sodio 14/15 Volumi
  • Igienizzante Cloroattivo
  • Dispositivo Professionale con scheda Tecnica e di Sicurezza

Un altro consiglio, prima di proseguire: quando lavori in zone che hanno affrontato un’invasione di topi, è sempre il caso di lasciar aerare prima gli ambienti, spalancando le finestre almeno per mezzora.

3. Raccoglili con un tovagliolo

Dopo aver spruzzato le feci e lo sporco lasciato dai topi con la soluzione di candeggina e acqua, puoi raccoglierli utilizzando un foglio di carta assorbente o un tovagliolo. Il suggerimento che ti diamo è di buttare questi (e tutti gli altri residui della pulizia) in un sacchetto per la spazzatura apposito, da chiudere ermeticamente. La stessa sorte toccherà ai guanti e alla mascherina, ovviamente.

Gli oggetti danneggiati dai rosicchiamenti, e le aree che hanno subito il passaggio dei roditori, andranno disinfettate a parte. In questo modo abbatterai il rischio dovuto alle malattie portate dai topi.

Topi in casa, come disinfettare l’abitazione?

Innanzitutto è bene saper riconoscere quando la situazione può essere gestita da soli, o quando è necessario l’intervento di una ditta specializzata. È chiaro che, se la casa è stata per lungo tempo lasciata in balia dei topi, non potrai pulire da solo tutto il caos che hanno combinato. Dovresti infatti combattere (e te lo diciamo per esperienza personale) con odori molto sgradevoli e carcasse di roditori morti sparse in ogni angolo.

Queste situazioni, però, riguardano soprattutto le abitazioni di campagna o quelle abbandonate, dunque si tratta di casi limite. Se sei appena uscito da una “normale” invasione, e il grosso è stato eliminato, puoi tranquillamente risolvere senza chiedere ad un professionista. Come?

1. Candeggina e disinfettanti batterici

Puoi usare ancora una volta il mix di candeggina e acqua per pulire gli ambienti e le superfici di tutta la casa. Naturalmente vanno bene anche i disinfettanti battericidi come il Lysoform, ad esempio. Ricorda di lavare non solo i pavimenti, ma anche i controsoffitti e i battiscopa, perché si tratta di zone spesso trafficate dai topi.

No products found.

2. Elettrodomestici per la pulizia

Il tuo migliore alleato per pulire la casa dopo i topi? In realtà sono due: il vapore e i filtri HEPA. Nel primo caso potresti utilizzare un pulitore a vapore, ovvero un elettrodomestico che – grazie all’emissione di acqua calda vaporizzata – riesce ad uccidere fino al 99,9% dei batteri e dei germi. Per farti un esempio, noi abbiamo a casa l’Ariete XVapor Deluxe, che può essere usato senza problemi anche sui tappeti.

Ariete 4146 XVapor Deluxe - Pulitore a vapore mobile, 5 bar, Vano portaccessori integrato, Autonomia...
  • L’efficacia del vapore: detergi ed igienizza la tua casa con la sola forza naturale del vapore,...
  • Lunga autonomia: oltre un’ora di potente vapore per igienizzare al meglio tutte le superfici di...
  • Pulito impeccabile: grazie ai 1500 watt di potenza il vapore è pronto in pochi istanti. La...

Fra le altre cose, avendo una bocchetta apposita, potrai utilizzarlo pure per igienizzare i tendaggi, i tessuti e ovviamente tutte le superfici di casa (compresi i mobili). Lo spruzzatore piccolo in dotazione potrai invece utilizzarlo per igienizzare gli oggetti, compresi i peluche dei bimbi. In sintesi, grazie al suo set di accessori, ti permette di raggiungere anche gli angoletti più nascosti e più difficili.

Una seconda opzione che ti suggeriamo sono gli aspirapolveri con filtro HEPA. Questo sistema di filtrazione, infatti, riesce a trattenere fino al 99,98% delle microparticelle aspirate. In sintesi, blocca gli allergeni, i batteri, i germi, le spore dei funghi e persino i particolati come il PM10. Uno dei migliori modelli per rapporto fra qualità e prezzo è il Severin My 7114, con tecnologia ciclonica e dotato di classe HEPA 14.

Severin My 7114 Aspirapolvere multiciclonico Senza Sacco, Silenzioso, Filtro Hepa 14, Classe A, 750...
  • E' dotato di una forza aspirante costante ed elevata anche a contenitore pieno grazie alla...
  • Il filtro HEPA 14, lavabile e longlife, è adatto per le persone allergiche e permette di eliminare...
  • Spazzola commutabile e spazzola parquet incluse nella confezione per poter pulire ogni tipo di...

È vero che si tratta di soluzioni con un certo costo, ma considerale come un vero e proprio investimento. Un investimento che ti resterà anche dopo aver disinfettato la casa dopo i topi, quindi per le pulizie quotidiane e straordinarie.

Come eliminare un topo morto e un nido?

Purtroppo le infestazioni di topi, come ti abbiamo accennato in precedenza, lasciano sempre alcuni “caduti” per strada. I topi mangiano, defecano, figliano e muoiono, magari per fame o per malattia, o magari perché hai sparso per la casa i veleni rodenticidi. Quello che conta è essere preparati se trovi un cadavere di topo. Come devi comportarti?

  • Indossa come sempre guanti e mascherina
  • Spruzza il topo morto con la soluzione di acqua e candeggina
  • Fai la stessa cosa con la zona circostante
  • Fai passare almeno 5 minuti dopo averlo spruzzato
  • Prendi il corpo del topo con un sacchetto rovesciato (come con le cacche del cane)
  • Chiudi il sacchetto ermeticamente
  • Porta il sacchetto presso un centro di smaltimento rifiuti

Ci sono anche persone che agiscono in modo “prosaico”, ovvero gettando il topo morto e il resto della spazzatura nei comuni bidoni per l’immondizia. Ognuno è padrone del proprio senso civico, e tu sei libero di fare come meglio credi, ma questa non è la soluzione migliore per ovvi motivi. E il nido? Va trattato e buttato nella spazzatura seguendo la medesima procedura delle feci!

Considerazioni finali

A questo punto dovresti avere tutte le info e tutte le armi migliori per capire come disinfettare dopo aver avuto i topi in casa. Ripetiamo che, in caso di infestazioni molto serie e prolungate, è sempre meglio evitare il fai da te, per una questione di sicurezza personale. Per il resto, se hai un’infestazione in corso, ti suggeriamo di farti un giro sul nostro blog: troverai tutti i rimedi più efficaci, e tante guide pratiche.

Rimedi contro i topi più venduti

Crediti immagine articolo: catseyepest.com/blog/cleaning-up-after-mice-and-rodents

Ultimo aggiornamento 2021-04-20 at 06:22 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Lascia un commento